Relationships-by-design-Logo

L’importanza dei confini personali

confini personali

Un essere umano emotivamente sano è quello che ha confini personali molto chiari. Se mancano, o sono molto sfumati, iniziamo a comportarci in modo molto caotico e confuso nelle nostre relazioni. Alcuni di noi tenderanno a dominare il partner o a trattarlo come uno strumento per il proprio desiderio; oppure potremmo aggrapparci a lui con disperazione, come un uomo che sta annegando si aggrappa a qualsiasi cosa galleggi. Potremmo iniziare a negare o a trascurare i nostri bisogni emotivi, semplicemente perché non sono mai stati soddisfatti. Con il tempo ci convinciamo che una persona capace o disposta a darci ciò di cui abbiamo bisogno non esiste. Lentamente ci rimpiccioliamo fino a scomparire.

Alcune persone intorno a voi vogliono che tu continui  a sentirti così: confusa insicura su cosa vuoi dalla vita,  incapace di rifiutare, troppo spaventata  dall’abbandono per chiedere ciò di cui hai bisogno o per chiedere aiuto; vogliono che tu sia sempre disponibile, e che tu chieda poco o niente in cambio.  Perché quando non sai cosa vuoi, quando hai difficoltà a rifiutare le richieste (a volte assurde) degli altri,  perché sei stata  educata ad “essere sempre d’aiuto” , allora sei anche molto facile da manipolare. Più sei confusa dentro, più le tue relazioni saranno caotiche e disfunzionali.

Che cosa sono esattamente i "Confini Personali"?

Il concetto è nato in ambito psicoanalitico, ma è diventato un argomento di interesse generale con l’affermarsi del coaching e dello sviluppo personale negli ultimi 15 anni.

“La necessità di tracciare linee chiare ci permette di categorizzare il mondo, ci dà un senso morale di giusto e sbagliato, rendendo possibili molte cose. Abbiamo bisogno di regole, per separarci fisicamente dagli altri: non toccarmi lì, non chiedermi di fare questo! La pelle è la barriera esterna tra due esseri”

Andrea Celenza, Psicoanalista.

confini personali

In alcuni aspetti della nostra vita, questi confini sono molto chiari. Tutti noi abbiamo preferenze in termini di cibo, abbigliamento, pettinatura, opinioni politiche e hobby. C’è chi ama la montagna e chi il mare. Non percepiamo queste preferenze come una limitazione della libertà personale, ma semplicemente come una scelta. Quando riusciamo a classificare le cose in modo chiaro, c’è più ordine intorno a noi.

Ma quando si tratta della nostra vita interiore, molte volte non vediamo le cose con la stessa chiarezza. Tendiamo a dividere le persone in buone o cattive, ma questo è estremamente semplicistico, perché tutti noi abbiamo qualità buone e cattive e queste possono prevalere, in determinate circostanze e momenti della nostra vita. Al massimo, posso dire di sentirmi più o meno legato a questa persona, perché abbiamo interessi simili.

Nel nome del'”apertura mentale”, alcune persone tollerano tutto per paura di perdere quel legame. Ma stranamente, quando ci viene permesso di fare tutto ciò che vogliamo, tendiamo a pensare che il nostro partner ci sia indifferente, che non gli interessino le nostre scelte. Ci risulta molto difficile rispettare una persona che non ha una posizione chiara su nulla nella vita.

Quando tollero tutto, quando non sono disturbato da nulla, quando non sono in grado di dire un sì o un no chiaro, vivo in una sorta di torpore o anestesia emotiva. La libertà ha bisogno di confini e se questi mancano c’è il caos dentro e intorno a noi. Non so dove finisco io e dove inizia l’altro. Questo è sempre un segno che i miei confini personali sono stati invasi pesantemente da bambino. Di conseguenza, decido di non permettere a nessun altro essere umano di occupare la mia anima e il mio mondo interiore. Ma questa è dipendenza negata, non libertà.
Chiamiamo questi confini “contenimento”. Abbiamo bisogno di sentirci contenuti dal nostro partner, con la giusta dose di libertà. Se questi confini sono estremamente rigidi, se lui è controllante, geloso, insicuro, la sensazione è ancora più inquietante. Viviamo nella paura, ci sentiamo prigionieri con una persona del genere.

Chi ha il ruolo di stabilire questi confini?

È la nostra madre. La madre è il primo contatto del neonato; con lei sperimenterà le prime sensazioni di essere nutrito, tenuto in braccio, protetto, calmato, sicuro e amato. Nei primi 6 mesi di vita, il neonato si vede come un’estensione della madre, non come un essere separato. Vivono praticamente in simbiosi. Man mano che cresce, impara ad essere un essere separato, di solito quando il cibo o il conforto tardano ad arrivare. Con il tempo, sarà in grado di dire di no, se non vuole che certe persone lo tengano in braccio o lo tocchino; oppure, se lo desidera, chiederà a gesti di essere tenuto in braccio e accarezzato. Se questi confini sono molto deboli, poco chiari e talvolta violati, se la madre tocca il bambino in modo improprio, abusivo, incestuoso, trasformando il normale sentimento di tenerezza in seduzione, da adulto avrà problemi emotivi.

Un bambino non è in grado di dire di no – perché non ha il concetto di no, non ha un senso morale di giusto o sbagliato; e se non lo fa è perché i suoi confini personali sono stati violati. I confini chiari e sani riguardano la capacità di dire all’altro: per favore, non toccarmi lì – non mi piace; non chiedermi di fare questo” non mi sento a mio agio. Oppure: mi dispiace, non posso fare gli straordinari un’ora al giorno, ho anche una vita privata! Oppure: mi dispiace di non poterti dare dei soldi, anche se mi dispiace per la situazione in cui ti trovi; ma posso aiutarti a trovare un altro lavoro! I nostri confini possono essere molto chiari quando parliamo del nostro corpo, ma possono essere più sfumati quando parliamo della nostra vita emotiva.

Perché come donne siamo state educate a pensare che dire NO, in modo chiaro, sia un rifiuto dell’altro; quindi per educazione molte volte diciamo sì, quando in realtà intendiamo dire no. Lo facciamo contro il nostro desiderio e la nostra volontà più profonda, perché abbiamo deciso che mantenere quella relazione è più importante della nostra volontà personale. In qualche modo il nostro “sacrificio” può essere usato in seguito come garanzia che non saremo abbandonati. Se i nostri confini sono troppo allentati, non ci sentiamo contenuti, sicuri e separati da nostra madre; cercheremo per tutta la vita una relazione simbiotica perfetta.

Questo porterà (come già detto) alla dipendenza, alla co-dipendenza, a profondi sentimenti di abbandono nonostante si sia circondati da persone, all’incapacità di rasserenarsi, all’incapacità di stare da soli, all’aggrapparsi, a un profondo senso di disperazione, alla mancanza di uno scopo nella vita e alla depressione. Le persone che cercano questo tipo di unione con un “partner onnipotente”, capace di prendersi cura di loro e di tutte le loro paure, sono profondamente narcisiste, manipolatrici e incapaci di sentirsi al sicuro. Quando si dà loro totale libertà si sentono abbandonati; quando si cerca di avvicinarsi, si sentono soffocare. Vivono sognando e cercando una relazione simbiotica perfetta, con un partner che si prenda cura di tutte le loro paure, come la madre non ha potuto fare. Tutte le loro relazioni saranno autodistruttive o profondamente disturbanti per gli altri.

Se sono troppo rigidi, vedremo la nostra vita in termini di doveri e problemi da risolvere, senza poter godere di sane connessioni emotive. La nostra sessualità sarà repressa e i nostri bisogni emotivi soppressi. Non ci fideremo mai di nessuno. Eviteremo del tutto le relazioni o saremo attratti da partner violenti ed emotivamente non disponibili, perché questa è un’esperienza che ci è molto familiare e che riusciamo in qualche modo a controllare.

Una persona sicura si sente a proprio agio nel parlare di limiti, di ciò che tollera e di ciò che non tollera. È in grado di dire di no, senza temere di perdere l’altro, e di scendere a sani compromessi. Sanno chi sono come individui, quali sono i loro punti di forza e i loro difetti, si sentono bene con se stessi. Non si sentono soffocate o abbandonate in una relazione sentimentale. Dopo anni trascorsi in relazioni in cui i vostri bisogni emotivi e sessuali non sono stati soddisfatti, accumulerete molta frustrazione, delusione, tristezza e tutto ciò dovrà emergere in qualche modo. Si manifesteranno in esplosioni di rabbia, sproporzionate rispetto alla causa scatenante; comportamenti aggressivi passivi; dipendenza, come il desiderio di legare a sé il partner a causa della propria incapacità di prendersi cura di sé. Oppure la manipolazione, l’uso degli altri come oggetti per i nostri desideri, la mancanza di rispetto, distruggendo così ogni possibilità di connessione. Avrete problemi di dipendenza, difficoltà a prendere decisioni, difficoltà a fissare obiettivi e a rispettarli, un senso di vuoto interiore e di ritiro in un mondo interiore fantasmatico.

L’unico posto al mondo senza confini è l’utero di tua madre. Separarsi da un altro significa essere in grado di prendere decisioni per se stessi e vivere con le conseguenze di tali decisioni; relazionarsi con gli altri in maniera adulta, non in un rapporto bambino-madre o bambino-padre. Abbandonare questo pensiero magico significa accettare che c’è un lato oscuro in tutti noi. Ma è anche l’unico modo per avere il controllo della propria vita, perché l’indipendenza si costruisce intorno al concetto di confini personali.

Quando avrò confini chiari, sarò meno tentato di invadere anche quelli degli altri, accetterò che il mio partner non sia identico a me, gli permetterò naturalmente di avere una vita interiore separata da me, non solo come parte della coppia. Nessuno ha tutti questi problemi emotivi se i suoi confini sono stati rispettati. Se è stato correttamente separato, apprezzato, se si è sentito importante, sicuro, si comporterà allo stesso modo anche nella vita sentimentale. Crederà che la felicità non solo è possibile nelle relazioni, ma è un diritto fondamentale. Saprà cosa deve dare e ricevere per essere felice con un’altra persona.

Ecco alcuni segnali di confini sfumati:

Permettete che gli altri vi offendano e vi usino e non reagite.

Permettete agli altri di abusare del vostro tempo, del vostro denaro, delle vostre capacità, della vostra energia e delle vostre emozioni.

Manipolate e usate gli altri come oggetti per la vostra gratificazione.

Usate il ricatto emotivo, la depressione per legare gli altri a voi stessi.

Tollerate un linguaggio offensivo e commenti irrispettosi sul vostro aspetto.

Il vostro comportamento è seduttivo, per ottenere vantaggi e attenzioni, per quanto piccole.

Mentite, o presentate le cose sotto una luce migliore di quella che sono in realtà, nascondete dettagli importanti di voi stessi quando iniziate una nuova relazione.

 Siete molto sarcastici e fate commenti umilianti sull’aspetto del vostro partner in pubblico.

Avete relazioni molto tossiche e attirate persone che vi usano sempre.

Controllate gli altri con la vostra impotenza e dipendenza; le vostre relazioni sono del tipo figlio di madre o figlio di padre.

Vi comportate come una vittima, per costringere gli altri a fare le cose per voi, o per farli sentire in colpa se si rifiutano di farle.

Non dite mai NO alle richieste degli altri, anche se sono assurde e sapete che vi costeranno tempo e denaro preziosi.

 Siete ossessionati dall’idea di piacere e aiutare gli altri.

 Condividete più dettagli intimi della vostra vita con colleghi o amici, ecc.

Una volta che avrete dei confini sani, sarete in grado di riconoscere se qualcuno è sinceramente interessato a voi o se vuole solo usarvi. Ricordate: le emozioni sono volatili, il comportamento invece tende a essere molto stabile nel tempo. Osservate come le persone si comportano nei vostri confronti, non quello che vi dichiarano.

Abbiamo bisogno di essere contenuti dal nostro partner, ma non vogliamo perderci in lui. Vogliamo interessi simili, ma non vogliamo essere identici. Non accettate l’inaccettabile in nome della compassione o dell’empatia! Una relazione sana è sempre reciproca, che si tratti di un matrimonio, di un’amicizia profonda, di un rapporto con i nostri figli, con nostra madre o nostro padre.

Con confini chiari, le vostre relazioni saranno equilibrate e avranno maggiori possibilità di darvi gioia e soddisfazione. In assenza di limiti, è molto probabile che continuerete a essere usati e a sentirvi infelici. Non è facile, ma va fatto.

In realtà questo è il trampolino di lancio per cambiare la vostra vita!

Emanuela Duriga

Emanuela Duriga

Psicologa clinica e coach relazionale con formazione in sessuologia, Psico-traumatologia e Psico-somatica.

Social Media

I più popolari

emotivamente immatura
Coaching / Crescita Personale
Emanuela

Come riconoscere una persona emotivamente immatura

Scopri le caratteristiche distintive di una persona emotivamente immatura, tra cui egocentrismo, fuga dalle responsabilità, difficoltà nel gestire le emozioni, impegni a breve termine, dipendenza nelle relazioni e irresponsabilità finanziaria. Impara a riconoscere segnali come l’incapacità di affrontare le sfide quotidiane, la ricerca di gratificazione immediata, e l’aspettativa irrealistica verso gli altri. Questo articolo offre una guida completa per identificare comportamenti immaturi e suggerisce come l’intelligenza emozionale possa essere sviluppata per superare queste sfide, promuovendo relazioni sane e un’autonomia emotiva ed economica. Ideale per chi cerca di crescere personalmente o aiutare gli altri a fare lo stesso.

Read More »
GLI UOMINI
Relazioni
Emanuela

Dove sono spariti GLI UOMINI?

Indagando la trasformazione delle relazioni nell’era dell’emancipazione femminile, esaminiamo come GLI UOMINI e le donne affrontano le sfide moderne della mascolinità e dell’identità. Questo articolo approfondisce la dinamica delle relazioni moderne, mettendo in luce le questioni di solitudine, indipendenza e la ricerca di una connessione autentica in un mondo in rapido cambiamento.

Read More »
━━ Ricevi gli ultimi aggiornamenti

Iscriviti alla mia newsletter settimanale gratuita

Iscriviti adesso per scaricare l’ebook gratuito “La somma di tutte le paure”

pop-up newsletter form home page

SHARE

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati e accedi subito al training

Emanuela Duriga

Emanuela Duriga

Lascia pure un messaggio. Ti risponderò appena possibile.

I will be back soon

Emanuela Duriga
Ciao 👋
Sono Emanuela, come posso aiutarti?
Invia Messaggio
chat